Il plurale di aneddoto non è “fatto”

Share

3681831618_f2b4553466

Una frase che attiva immancabilmente il mio personale allarme antibufala inizia con “Dice che ….”.
Scriverò in futuro in modo piu serio, prometto, di Evidence Based Medicine, di qualità delle conclusioni nella ricerca medica e quant’altro ma per ora vorrei solo fare notare che il corpo e le biologia umana sono di una complessità incredibile, che le variabili personali, ambientali moltiplicano le combinazioni e che scegliere come ottimale una cura, un percorso diagnostico o anche uno “stile di vita” perchè ce lo consiglia un familiare, un amico o il barbiere (o anche un medico con cui non abbiamo un rapporto di fiducia consolidato) è uno degli errori piu comuni che vedo fare.

Anche molti medici tendono a fidarsi molto delle loro esperienze personali, specie quelle piu recenti, ma spesso questo non tiene conto di molte delle variabili che possono influenzare la nostra analisi.
Dice che “mediamente” (altro campanello di allarme) usiamo solo il 10% del nostro cervello. Bell’anedotto, putroppo una bufala colossale, vediamo di renderci conto che lo usiamo, o dovremmo 😉 tutto.